MENU

RistopiùNews - Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

Prima fidelizzo la squadra, poi i clienti


Donatella Rampado

Come dice Richard Branson, fondatore di Virgin Group, “La lezione che ho imparato è che bisogna evitare di farsi carico dell’eredità di qualcun altro. Se le persone non hanno più l’entusiasmo e la determinazione per rilanciare l’azienda, è meglio che cerchiate un nuovo team. Talvolta può essere necessario ripartire da zero”.

Certo ripartire da zero è una possibile soluzione, tutti noi, almeno una volta, lo abbiamo pensato o ci siamo trovati a doverlo fare. Un modo per non subire i cali motivazionali dei propri collaboratori è quello di rendere i propri dipendenti “appartenenti”. Tutti gli imprenditori vorrebbero avere almeno un paio di “appartenenti” capaci di prendersi responsabilità e agire sempre e tempestivamente per il bene del gruppo (anche se questo dovesse comportare per esempio lavare i bicchieri se la lavastoviglie si guasta). Il cambiamento all’interno di un’azienda parte sempre dall’alto, ma non ha sviluppo se l’intero gruppo non si sente appartenente, se non è formato e se non è motivato a cambiare. Cito un vecchio adagio: “se fai quello che hai sempre fatto, otterrai quello che hai sempre ottenuto”. Se vi state chiedendo a questo punto che tipo di ricaduta sui clienti possa avere formare gli appartenenti, eccovi la risposta: “per avere clienti soddisfatti, bisogna avere collaboratori-appartenenti soddisfatti”.

Cosa fare: dare il buon esempio frequentando corsi di formazione e di aggiornamento; organizzare corsi di formazione e di aggiornamento per i propri collaboratori; accertarsi sempre che quando viene spiegata una mansione, un nuovo compito o un nuovo servizio, tutto sia stato compreso esattamente. Non basta il tipico “sì” in risposta, fate domande e monitorate che il compito venga svolto esattamente come richiesto.

Siccome non basta la parola, ma servono i fatti, ecco qualche idea: organizzate una buona biblioteca all’interno dell’azienda dove sia facile consultare i testi; effettuate verifiche e test periodici per verificare il grado di competenza e di servizio reale che viene offerto dai vostri collaboratori; fate in modo che gli appartenenti si sentano parte del gioco, con una serie di azioni costanti e soprattutto motivazionali.

Perché farlo? Perché si abbassa il turnover migliorando così la costanza del servizio; perché il sorriso e la gentilezza di un collaboratore fanno alzare il fatturato; perché condividere le mete porta al raggiungimento delle stesse; perché migliorare il clima aziendale migliora le performance.

Il nome che diamo ai pensieri, agli oggetti e alle situazioni ha una grande rilevanza in funzione di quanto accadrà. Ho sentito molti modi diversi di chiamare i collaboratori: dipendenti, branco di…, risorse, staff, squadra… Il modo con il quale i manager o i proprietari di un Bar si rivolgono ai membri del gruppo è già indicativo del futuro che quel gruppo potrà avere. È vero che un’azienda ha bisogno di un imprenditore per avviarla ed è altrettanto vero che l’imprenditore necessita di efficienti collaboratori per raggiungere le mete che si è prefissato. Il motto dovrebbe quindi essere: “Primo fidelizzo la mia squadra e poi i clienti!”.

http://www.selfbrand.it

Donatella Rampado – SelfBrand

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

In evidenza

Il 26/6 accelera il tuo business!

Messaggio del Presidente Giuseppe Arditi rivolto a tutti gli imprenditori della distribuzione!

“È arrivato per me il momento di prendere in mano tutte le mie conoscenze e di… consegnartele!

[…]

Leggi di più ››

News

E per l’estate vini leggeri e freschi

Con il giorno più lungo dell’anno inizia l’estate, ufficialmente.

E ufficialmente si aprono anche i lunghi aperitivi, le cene all’aperto: il tuo locale si trasforma in un meraviglioso luogo di intrattenimento – zanzare permettendo – in cui la voglia di relax e divertimento è presente a ogni ora,

[…]

Mini fagottini di verdure gratinati ai germogli

Per il tuo aperitivo innovativo… per stupire i clienti, per aggiungere quel tocco “asian food” che piace tantissimo. Insomma: per rivitalizzare il tuo locale dalle 17 in poi, oltre a un cocktail preparato a regola d’arte ti proponiamo questa ricetta che ha per ingredienti principali i mini fagottini di patate.

[…]

Recensioni negative: come affrontarle?

Se sei sui Social lo sai: devi mettere in conto le recensioni negative che possono piovere a catinelle e rappresentare un bel problema per la reputazione del tuo locale.

Siccome non puoi non avere una pagina Facebook o Instagram,

[…]

Non sei contento del tuo fornitore? Cambia!

Nella vita non c’è niente di eterno, men che meno il tuo fornitore di fiducia.

Vuoi fare un test molto rapido per vedere se ti stai appoggiando al giusto partner capace di far volare verso il successo il locale?

[…]

Più Bubble Tea di così non si può!

Sei rimasto solo tu a non avere il Bubble Tea?

Guardati attorno: tutti i bar di un certo livello – ovvero quelli che vogliono essere sempre pieni di clientela,

[…]

Verso la Giornata della ristorazione

“E’ con entusiasmo e fiducia che annunciamo l´iter in commissione 10 alla Camera, della proposta di legge che istituisce la “Giornata della ristorazione”, che accende il riflettore su un settore strategico e competitivo dell´economia italiana e che rappresenta uno degli elementi di maggior appeal del turismo verso il nostro Paese”.

[…]

Ghiaccio nei cocktail? Parliamone in modo serio

La gestione e la conservazione del ghiaccio sono cruciali in qualsiasi bar che serva cocktail, specialmente per l’aperitivo, quando i drink devono essere presentati al meglio sia in termini di sapore che di aspetto.

[…]

Il giorno giusto per acquistare… Aperitivo Perfetto!

Cos’è Aperitivo Perfetto nel tuo locale? Il libro scritto da Giuseppe Arditi con Daniele Cascio che ti propone “strategie pratiche per illuminare e migliorare il momento dell’aperitivo nel tuo locale”. 

[…]

Quale combinazione vincente per il tonno?

Il tonno – sia fresco che in conserva – è un salva-pranzo e salva-cena non solo quando si è a casa. È talmente amato che anche al bar in pausa pranzo può diventare un ingrediente goloso specie in questo periodo,

[…]

Lo conferma il magazine: con l’estate cambia tutto

È proprio vero: con l’estate cambia tutto. Cambia il clima. Cambia il modo di fare dei clienti, cambia il tuo menù del pranzo e dell’aperitivo, perché con 35 gradi umidi è molto difficile far digerire un bel piatto caldo.

[…]

Leggi di più ››