MENU

RistopiùNews - Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

Vantaggio competitivo? Parliamone


Di Donatella Rampado

Il settore dell’Horeca ha un faro che deve illuminare il singolo: il vantaggio competitivo. Ottimo: ma come si conquista, si studia, si produce? Cerchiamo di capire.

Il barista si è sempre dovuto scontrare con i numeri: quanti scontrini nella settimana, la media scontrino, quanti clienti, quanta merce da comprare, quanta merce scartata… Tutto molto misurabile e facilmente comprensibile. Oggi il barista deve aggiungere un altro indicatore, forse il più difficile da comprendere: deve infatti misurare il “percepito” dei clienti. In parole povere sono le sfumature, le sensazioni e gli intangibili a decretare il successo o l’insuccesso del locale. La soddisfazione viene influenzata dal tipo di accoglienza ricevuta, da come si viene serviti e salutati prima di uscire dal locale. Il vantaggio competitivo e l’analisi di questi indicatori intangibili sono diventati fattori strategici immancabili, in chi ha visione verso il futuro.

Ipotizzando una scacchiera, lo scontro competitivo può essere diviso in quattro quadranti (Fiocca e Caruso)

– Si fa lo stesso gioco. Significa che c’è un leader e che gli altri lo imitano e si accontentano quindi di quote minori di mercato.

– Si fa lo stesso gioco ma specializzandosi. In questo caso il barista si concentra e si specializza in una specifica nicchia. Unico rischio: che il leader di mercato decida di occuparsi anche di quella nicchia lasciata “scoperta”.

– Si fa un nuovo gioco circoscritto a una nicchia di mercato. In questo caso si studiano nuove e innovative strategie di impatto verso i clienti. Per citare un esempio, a Milano, Viel è l’unico “fruttivendolo-Bar” specializzato in frutta ad avere successo e Princi è stato il primo a inserire la panetteria nel bar-ristorante.

– Si fa un nuovo gioco in tutta la scacchiera. In questo quadrante i rischi sono maggiori, ma anche le ricompense. Chi intraprende questa strada, per poter dominare il mercato ne riscrive tutte le regole e lascia i concorrenti interdetti dalla manovra e senza risorse. Gli esempi immediati sono Bill Gates nel campo dell’informatica, Mc Donald’s nel campo della ristorazione giovanile e Ikea nel campo del mobile.

Secondo William Davidow, “il marketing è una guerra civilizzata”. Utilizzando dei termini militareschi si tratta di attivare delle azioni come:

Alzare le barriere difensive (ossia per esempio: essere inattaccabili sulla qualità e sul servizio offerto; avere programmi costanti di comunicazione verso l’esterno; avere procedure di ascolto costanti del cliente; avere programmi di formazione e sostituzione costanti dei collaboratori); occupare il territorio del concorrente (ossia per esempio: avere ben chiara la concorrenza presente nel territorio; conoscere bene le strategie di marketing dei concorrenti; creare un piano di attacco strategico); trasformare una sconfitta in una vittoria (ossia per esempio: avete ricevuto più di una critica? Non date la colpa ai clienti. Fatevi un bell’esame di coscienza oggettivo e inventatevi la settimana della cura del cliente e proponetela su tutti i vostri social network, sul vostro sito e pubblicizzatela sui giornali. Questo farà parlare di voi in modo costruttivo. Consiglio: preparatevi prima ad offrire vera eccellenza).

Al di là delle metafore da guerrieri, il marketing svolge una funzione determinante nel far arrivare clienti nuovi. Di seguito un breve test attitudinale di visione marketing:

– Che soggetti operano nel vostro settore?

– Qual’ è in questo momento la tendenza di mercato?

– Quali sono i bisogni dei vostri clienti, specie quelli latenti?

– Che comportamenti di acquisto hanno i vostri clienti?

– State facendo dei sondaggi di customer satisfaction ai vostri clienti?

– Quando avete fatto l’ultima analisi della qualità dei prodotti offerti?

– Quando avete fatto l’ultima analisi sulla qualità del servizio offerto?

– Che politica dei prezzi state seguendo?

– State facendo del marketing innovativo?

– State lavorando su nuove forme di comunicazione?

– Siete informati sulle nuove normative?

– Siete informati sui nuovi finanziamenti dedicati alle imprese?

– Siete informati sulle nuove tendenze?

– Sapete che percentuale di crescita potete raggiungere?

Se riuscite a rispondere in modo costruttivo a 10-14 domande state lavorando verso l’eccellenza. Se avete potuto rispondere a 8-10 domande, sbrigatevi a completare anche le altre.

Se potete rispondere a 4-8, le informazioni che avete non sono sufficienti e dovete incrementare la vostra competenza e operatività.

Se avete risposto a 0-4, non avete ancora iniziato ad occuparvi di marketing e di tutto quello che può difendervi dalla concorrenza.

http://www.selfbrand.it

Donatella Rampado – SelfBrand

Tags: , , , , ,

Lascia un commento

In evidenza

Nuove posizioni aperte in azienda!

Ristopiù Lombardia SpA Società Benefit a Socio Unico ricerca:

Nr. 1 Marketing Specialist.

La figura sarà parte integrante dell’Ufficio Marketing, lavorando trasversalmente in tutte le aree aziendali.

[…]

Leggi di più ››

News

Non sei contento del tuo fornitore? Cambia!

Nella vita non c’è niente di eterno, men che meno il tuo fornitore di fiducia.

Vuoi fare un test molto rapido per vedere se ti stai appoggiando al giusto partner capace di far volare verso il successo il locale?

[…]

Più Bubble Tea di così non si può!

Sei rimasto solo tu a non avere il Bubble Tea?

Guardati attorno: tutti i bar di un certo livello – ovvero quelli che vogliono essere sempre pieni di clientela,

[…]

Verso la Giornata della ristorazione

“E’ con entusiasmo e fiducia che annunciamo l´iter in commissione 10 alla Camera, della proposta di legge che istituisce la “Giornata della ristorazione”, che accende il riflettore su un settore strategico e competitivo dell´economia italiana e che rappresenta uno degli elementi di maggior appeal del turismo verso il nostro Paese”.

[…]

Ghiaccio nei cocktail? Parliamone in modo serio

La gestione e la conservazione del ghiaccio sono cruciali in qualsiasi bar che serva cocktail, specialmente per l’aperitivo, quando i drink devono essere presentati al meglio sia in termini di sapore che di aspetto.

[…]

Il giorno giusto per acquistare… Aperitivo Perfetto!

Cos’è Aperitivo Perfetto nel tuo locale? Il libro scritto da Giuseppe Arditi con Daniele Cascio che ti propone “strategie pratiche per illuminare e migliorare il momento dell’aperitivo nel tuo locale”. 

[…]

Quale combinazione vincente per il tonno?

Il tonno – sia fresco che in conserva – è un salva-pranzo e salva-cena non solo quando si è a casa. È talmente amato che anche al bar in pausa pranzo può diventare un ingrediente goloso specie in questo periodo,

[…]

Lo conferma il magazine: con l’estate cambia tutto

È proprio vero: con l’estate cambia tutto. Cambia il clima. Cambia il modo di fare dei clienti, cambia il tuo menù del pranzo e dell’aperitivo, perché con 35 gradi umidi è molto difficile far digerire un bel piatto caldo.

[…]

Cosa succede in giugno?

In questo giugno accadono un sacco di cose interessantissime:

-domani e dopodomani si vota per eleggere i rappresentanti europei e comunali

-dal 14 giugno hanno il via gli Europei di calcio… e allora sì che ci sarà pathos da vendere,

[…]

Il valore del sorriso? Scoprilo il 13 giugno

Il sorriso ha un valore enorme. Non solo: la gentilezza è un potente strumento, fa bene e fa del bene. Lo sperimenti ogni giorno nella vita privata ma sai benissimo che anche sul posto di lavoro funziona esattamente allo stesso modo.

[…]

Fish & chips al lime e pepe rosa

Che profumo di fritto di alta qualità! Prendiamo direttamente dalla Gran Bretagna questa ricetta, che però i nostri chef hanno saputo ridisegnare all’italiana. Il risultato? Qualcosa di incredibile, grazie a un ingrediente segreto: le zeste di lime!

[…]

Leggi di più ››