MENU

RistopiùNews - Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

Di brioche bollenti ed export


Cos’hanno in comune brioche servite bollenti da un incauto barista e l’esportazione italiana di cibo? All’apparenza nulla, in realtà tantissimo: sono entrambi casi di inefficienza, dovuta ovviamente a diverse motivazioni. Da una parte c’è il locale collocato in un certo quartiere, in una città piccola o media o grande italiana (un ambito ristretto, a confronto dell’intera esportazione del Paese). Però, anche in questo piccolo ambiente, capita che una scelta sbagliata, avventata, o poco precisa possa causare importanti guai. Sfornare una brioche, servirla ancora bollente al cliente, con il rischio che si ustioni la lingua e le papille, è un errore da non commettere. Non importano le motivazioni sottostanti (la fretta, una domanda di prodotto troppo alta e improvvisa), ma il risultato: cliente infastidito e praticamente perso.

Ora cambiamo prospettiva: allarghiamola a dismisura, fino a comprendere tutte le aziende italiane del settore alimentare predisposte all’esportazione. Ebbene, pare, secondo dati di UniCredit, che non siano stati posti ancora in essere i giusti strumenti per guardare con efficacia ai mercati emergenti, ossia agli unici in grado di vantare una buona capacità di spesa, dunque di acquistare i prodotti del Made in Italy. Secondo UniCredit, l’economia cinese tra cinque anni varrà 60 miliardi di dollari; anche india, Indonesia e Thailandia saranno buoni importatori. Peccato che gli italiani non siano in grado di penetrare in modo corretto in questi mercati: se si pensa alla sola Cina, il valore del nostro export è pari all’1,3% (è pari al 6% in Francia). Quindi, praticamente, le aziende italiane, giocando con le metafore, sfornano buonissime brioche bollenti, le lasciano riposare, le depongono su un bellissimo piatto da portata e poi le nascondono nella credenza. Dunque tutto questo sforzo alla fine non serve a nulla, anzi, non fa che peggiorare la situazione, considerato che il mercato nostrano è assai asfittico e non offre opportunità di crescita.

Come si può invertire il trend? Per esempio iniziando a fare bene il proprio lavoro, il che significa, lato barista, puntare sulla qualità e non commettere errori devastanti. Lato imprese, da una parte fare sistema, dall’altra farsi supportare da quelle realtà capaci di unire i diversi intenti del singolo e di aiutare in tutte quelle pratiche che possono agevolare lo sbarco in Cina (dalla lingua, alle normative sui cibi, sulla conservazione, alla promozione e al marketing legati al marchio Italia). Ce la faremo sicuramente, importante però è iniziare.

 

Tags: , , , , , , , ,

Lascia un commento

In evidenza

Nuove posizioni aperte in azienda!

Ristopiù Lombardia SpA Società Benefit a Socio Unico ricerca:

Nr. 1 Marketing Specialist.

La figura sarà parte integrante dell’Ufficio Marketing, lavorando trasversalmente in tutte le aree aziendali.

[…]

Leggi di più ››

News

Verso la Giornata della ristorazione

“E’ con entusiasmo e fiducia che annunciamo l´iter in commissione 10 alla Camera, della proposta di legge che istituisce la “Giornata della ristorazione”, che accende il riflettore su un settore strategico e competitivo dell´economia italiana e che rappresenta uno degli elementi di maggior appeal del turismo verso il nostro Paese”.

[…]

Ghiaccio nei cocktail? Parliamone in modo serio

La gestione e la conservazione del ghiaccio sono cruciali in qualsiasi bar che serva cocktail, specialmente per l’aperitivo, quando i drink devono essere presentati al meglio sia in termini di sapore che di aspetto.

[…]

Il giorno giusto per acquistare… Aperitivo Perfetto!

Cos’è Aperitivo Perfetto nel tuo locale? Il libro scritto da Giuseppe Arditi con Daniele Cascio che ti propone “strategie pratiche per illuminare e migliorare il momento dell’aperitivo nel tuo locale”. 

[…]

Quale combinazione vincente per il tonno?

Il tonno – sia fresco che in conserva – è un salva-pranzo e salva-cena non solo quando si è a casa. È talmente amato che anche al bar in pausa pranzo può diventare un ingrediente goloso specie in questo periodo,

[…]

Lo conferma il magazine: con l’estate cambia tutto

È proprio vero: con l’estate cambia tutto. Cambia il clima. Cambia il modo di fare dei clienti, cambia il tuo menù del pranzo e dell’aperitivo, perché con 35 gradi umidi è molto difficile far digerire un bel piatto caldo.

[…]

Cosa succede in giugno?

In questo giugno accadono un sacco di cose interessantissime:

-domani e dopodomani si vota per eleggere i rappresentanti europei e comunali

-dal 14 giugno hanno il via gli Europei di calcio… e allora sì che ci sarà pathos da vendere,

[…]

Il valore del sorriso? Scoprilo il 13 giugno

Il sorriso ha un valore enorme. Non solo: la gentilezza è un potente strumento, fa bene e fa del bene. Lo sperimenti ogni giorno nella vita privata ma sai benissimo che anche sul posto di lavoro funziona esattamente allo stesso modo.

[…]

Fish & chips al lime e pepe rosa

Che profumo di fritto di alta qualità! Prendiamo direttamente dalla Gran Bretagna questa ricetta, che però i nostri chef hanno saputo ridisegnare all’italiana. Il risultato? Qualcosa di incredibile, grazie a un ingrediente segreto: le zeste di lime!

[…]

Si vota… e si mangia!

L’8 e 9 giugno prossimi tutti gli italiani sono chiamati a votare. Due giorni belli pieni in cui tu sei tipicamente aperto – essendo un weekend – e puoi diventare il luogo perfetto per il confronto politico dell’ultimo momento.

[…]

Gelati: quali i trend della stagione?

Che sia Motta, Antica Gelateria del Corso, che sia Nuii nelle nuove versioni o una vaschetta da preparare con cono o coppetta, una cosa è certa: il gelato industriale di alta qualità vince sempre,

[…]

Leggi di più ››