MENU

RistopiùNews - Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

Apprendimento… cioè?


Donatella Rampado – Davvero conosciamo le parole che usiamo abitualmente? Non credo. Non solo i bambini, ma anche gli adulti spesso non eseguono correttamente un lavoro perché non conoscono il significato corretto di alcune parole comprese nel mansionario (fattura, rid, riba, scheda intervento… inglesismi vari…).

Leggendo il libro “Problemi del lavoro” (Hubbard L.), mi sono accorta di come la mancanza di un mansionario e di una mancata comprensione del proprio ruolo professionale fossero uno dei motivi di una performance scadente. Cominciai così a parlare di “apprendimento” e della necessità che tutta l’organizzazione lo accelerasse per essere capace di affrontare e risolvere i problemi.

E mi accorsi… che velocizzando il tasso di apprendimento, tutta la struttura aveva guadagni concreti.

Qual è la sfida reale? Convincere le aziende: è infatti comune pensare che i problemi non derivino dalla mancanza di conoscenza, ma dal mercato, dalla concorrenza e in alternativa dagli altri! Spesso, per esempio, si incontrano responsabili che credono di sapere già tutto quello c’è da sapere della propria area. Ma allora, se sanno già tutto, è lecito domandarsi: “Perché l’azienda va male? Perché il prodotto o servizio non hanno avuto successo? Perché hanno un turnover così alto? Perché la percentuale dei clienti fidelizzata è così bassa?”.

Il “capo” che non ha le risposte, e che quindi non sa, teme di non essere più riconosciuto come tale, teme la perdita di prestigio e quindi la soluzione più facile non è – come sarebbe logico – apprendere: no! La soluzione, talvolta anche inconscia, è incolpare qualcun altro.

Come si dirige la squadra all’apprendimento?

1) Percezione: significa saper osservare il proprio ambiente. Il proprio mercato di riferimento, la concorrenza e le espressioni paraverbali dei propri clienti. Bisogna essere sensibili e attenti e sapersi calare attivamente nel proprio ambiente.

2) Prevenzione: cosa possiamo fare nel caso accadesse…? Sperare che tutto sarà come dieci anni fa in un mondo sempre in continuo cambiamento è utopistico e fa fallire velocemente.

3) Cambiare: i cambiamenti sociali influiscono, possono creare nuove opportunità o toglierle. Ogni cambiamento porta con sè delle opportunità, se le si vogliono cogliere!

Questo il mio pensiero finale: più riusciamo a immaginare il futuro della nostra attività, più aperti e ricettivi saremo ai segnali del mondo esterno.

Se l’apprendimento comincia dalla percezione e dalla osservazione, non avremo problemi a condurre la nostra attività in momenti di difficoltà, perché vivremo la situazione problematica come un’opportunità di apprendimento.

 

 

http://www.selfbrand.it/ 

http://www.donatellarampado.com/

 

 

Tags: , ,

Lascia un commento

In evidenza

Aperitivo Perfetto? Segui il webinar!

Occasione incredibile, eccezionale e irripetibile per te imprenditore dell’horeca che vuoi portare al successo il tuo locale. Vediamo nel dettaglio cosa si tratta… tu intanto inizia a bloccare l’agenda per il 25 luglio alle ore 15.

[…]

Leggi di più ››

News

Sughi pronti, quali preferire?

La pasta è uno dei piatti forti della pausa pranzo di qualunque bar o trattoria, da Palermo a Bolzano, in inverno e in estate. Non sempre hai la possibilità (tempo,

[…]

Dehor, come renderlo fresco e accogliente?

Tu chiamalo plateatico, o dehor se ha una struttura portante: insomma, lo spazio esterno al tuo bar o ristorante. Con le temperature estive diventa parte integrante del tuo ambiente di servizio,

[…]

Per te la nuova Wine Room

Ristopiù Lombardia ha recentemente inaugurato un nuovo spazio dedicato espressamente ai suoi clienti in visita.

Come sa chi è già cliente o ha avuto modo di frequentare l’azienda che ha sede in via Monte Tre Croci a Varedo,

[…]

Magazine di luglio: cosa ti attende?

Qual è la risorsa più importante del tuo locale? Non il cibo, non l’aria condizionata o i tavolini fuori… è il personale! E la motivazione delle persone che lavorano con te è lo strumento che ti aiuta ad avere successo.

[…]

Iced coffee e dolcetto a seguire

Quando la temperatura è caliente anche l’adorato caffè può risultare indigesto… eppure la gente non vuole assolutamente rinunciare all’aroma del caffè, solo al suo bollore!

Come fare? Semplice,

[…]

Happy Colazione Time!

Hai letto bene: Happy Colazione Time a te e a tutti i tuoi clienti!

-A te imprenditore che puoi beneficiare dei bonus e della formazione che ti propone Luglio,

[…]

Avena, l’alternativa per il tuo cappuccino

In questo luglio, Mese internazionale di Colazione Perfetta, celebriamo non solo il food per il momento colazione, ma anche tutto ciò che viene proposto in combinata a livello beverage.

Quindi innanzitutto i succhi Rauch al mirtillo,

[…]

A merenda? Solo Gran Fortunello!

A metà pomeriggio arrivano chiassosi per la merenda: sono i tuoi clienti più difficili, i bambini, che:

-non hanno tempo

-hanno fame e vogliono essere soddisfatti subito

-cercano qualcosa di sfizioso,

[…]

Verdura come piatto di punta? Oh yes!

Niente come l’estate e il caldo portano le persone a chiederti piatti leggeri e freschi. Questa combinazione si trova nella verdura, che garantisce anche una bellezza colorata al piatto e una versatilità importante negli abbinamenti.

[…]

Idratarsi sì, ma come?

Acqua ok, e poi? Quando il caldo – anche in questa estate ballerina a livello di temperature – si fa sentire, il tuo bar diventa il luogo nel quale le persone entrano principalmente per dissetarsi,

[…]

Leggi di più ››