MENU

RistopiùNews - Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

Quanto curi il cestino del pane?


Oggi, nel tempo dell’Horeca 2.0, anche il minimo dettaglio può fare la differenza tra “Bello questo locale, ritornerò” e “Mai più nella vita”.

Con dettagli intendiamo per esempio la pulizia delle tovaglie, la temperatura a cui sono serviti i piatti, i tempi di attesa, la precisione del menù, la cura delle toilette nel suo complesso.

E il cestino del pane.

Il cestino del pane non è, come molti pensano, il riempitivo tra la fame cieca del cliente e l’arrivo della prima portata.

Non è nemmeno un elemento di puro arredamento, che migliora l’estetica di un tavolo preparato velocemente.

Il cestino del pane ha la sua dignità, vive di vita propria. E deve essere curato nei tempi e nei modi.

Nei tempi:

-non può essere lasciato vuoto, sino a che il cliente non ha completato il secondo piatto.

Nei modi:

-non deve contenere pane vecchio

-non deve contenere solo due pezzi di pane appoggiati alla rinfusa

-non deve dare l’idea di essere un “contentino”.

Deve, e può, valorizzare tutte le portate.

Come può essere riempito, per una piacevole degustazione?

Le possibilità sono infinite, basta sfogliare il Catalogo Generale www.ristopiulombardia.itper accorgersene.

Ecco qualche consiglio che proviene direttamente dagli specialist dell’azienda.

Giocate con le forme e con i colori. Non un solo tipo di pane, ma due o tre, anche tagliati a pezzetti e ben disposti nel cestino.

Giocate con gli ingredienti. Oggi sono a disposizione panini di diverso colore (giallo, nero, rossiccio) con tantissimi tipi di semi.

Aggiungete i panificati. Potete inserire anche i grissini, la lingua, pezzi di brezel o pane regionale. Sacchettini di cracker, piccoli grissini monoporzione, le focacce tagliate a quadrotti.

Chiedete: magari i vostri clienti sono celiaci, in quel caso potete offrire loro del pane certificato senza glutine, da servire a parte, in modo che non si rischino le contaminazioni.

Siate creativi: in alcuni locali il pane viene proposto in sacchettini di carta aperti monodose, uno per posto del tavolo. In altri casi viene adagiato in cestini di tessuto, oppure in cestini di legno, a seconda del “look” del bar o del ristorante. I luoghi più raffinati viene aggiunta, al pane già presente sul tavolo, anche una focaccina calda nel momento in cui i clienti prendono posto.

Se desiderate migliorare il cestino del pane e soprattutto usarlo come leva di marketing per catturare l’attenzione del cliente, potete consultare il catalogo virtuale SoloPane

https://ristopiulombardia.it/smilecompany/cataloghi.aspx?cat=img/catalogo_solopane.png&class=menu-solopane&txt=CATALOGO%20SOLO%20PANE

e identificare le referenze più adatte al vostro locale.

Se, invece, necessitate di una consulenza specifica sull’interno mondo del pane e dei panificati, potete contattare il Service Center al numero verde 800078844 e chiedere il supporto di uno specialist.

 

 

 

 

Lascia un commento

In evidenza

Il 26/6 accelera il tuo business!

Messaggio del Presidente Giuseppe Arditi rivolto a tutti gli imprenditori della distribuzione!

“È arrivato per me il momento di prendere in mano tutte le mie conoscenze e di… consegnartele!

[…]

Leggi di più ››

News

E per l’estate vini leggeri e freschi

Con il giorno più lungo dell’anno inizia l’estate, ufficialmente.

E ufficialmente si aprono anche i lunghi aperitivi, le cene all’aperto: il tuo locale si trasforma in un meraviglioso luogo di intrattenimento – zanzare permettendo – in cui la voglia di relax e divertimento è presente a ogni ora,

[…]

Mini fagottini di verdure gratinati ai germogli

Per il tuo aperitivo innovativo… per stupire i clienti, per aggiungere quel tocco “asian food” che piace tantissimo. Insomma: per rivitalizzare il tuo locale dalle 17 in poi, oltre a un cocktail preparato a regola d’arte ti proponiamo questa ricetta che ha per ingredienti principali i mini fagottini di patate.

[…]

Recensioni negative: come affrontarle?

Se sei sui Social lo sai: devi mettere in conto le recensioni negative che possono piovere a catinelle e rappresentare un bel problema per la reputazione del tuo locale.

Siccome non puoi non avere una pagina Facebook o Instagram,

[…]

Non sei contento del tuo fornitore? Cambia!

Nella vita non c’è niente di eterno, men che meno il tuo fornitore di fiducia.

Vuoi fare un test molto rapido per vedere se ti stai appoggiando al giusto partner capace di far volare verso il successo il locale?

[…]

Più Bubble Tea di così non si può!

Sei rimasto solo tu a non avere il Bubble Tea?

Guardati attorno: tutti i bar di un certo livello – ovvero quelli che vogliono essere sempre pieni di clientela,

[…]

Verso la Giornata della ristorazione

“E’ con entusiasmo e fiducia che annunciamo l´iter in commissione 10 alla Camera, della proposta di legge che istituisce la “Giornata della ristorazione”, che accende il riflettore su un settore strategico e competitivo dell´economia italiana e che rappresenta uno degli elementi di maggior appeal del turismo verso il nostro Paese”.

[…]

Ghiaccio nei cocktail? Parliamone in modo serio

La gestione e la conservazione del ghiaccio sono cruciali in qualsiasi bar che serva cocktail, specialmente per l’aperitivo, quando i drink devono essere presentati al meglio sia in termini di sapore che di aspetto.

[…]

Il giorno giusto per acquistare… Aperitivo Perfetto!

Cos’è Aperitivo Perfetto nel tuo locale? Il libro scritto da Giuseppe Arditi con Daniele Cascio che ti propone “strategie pratiche per illuminare e migliorare il momento dell’aperitivo nel tuo locale”. 

[…]

Quale combinazione vincente per il tonno?

Il tonno – sia fresco che in conserva – è un salva-pranzo e salva-cena non solo quando si è a casa. È talmente amato che anche al bar in pausa pranzo può diventare un ingrediente goloso specie in questo periodo,

[…]

Lo conferma il magazine: con l’estate cambia tutto

È proprio vero: con l’estate cambia tutto. Cambia il clima. Cambia il modo di fare dei clienti, cambia il tuo menù del pranzo e dell’aperitivo, perché con 35 gradi umidi è molto difficile far digerire un bel piatto caldo.

[…]

Leggi di più ››