MENU

RistopiùNews - Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

La felicità dei dipendenti… dipende da te


Giuseppe Arditi – L’azienda è un piccolo ecosistema.

Anche se siete in due, tu e il dipendente, tu e il tuo compagno, tu e un amico. In questo microcosmo tutto avviene con logiche strane.

E se il responsabile – leader, capo – non lavora in modo delicatissimo e corretto, l’azienda – il locale – rischia di andare a sbattere.

Quando il dipendente è al suo lavoro, dietro al bancone del bar, lui “è” il bar.

Se, per colpa di qualche frizione interna, tra dipendente e datore di lavoro vi sono problemi, e il barista è svogliato, infastidito, ha poca pazienza, zero sorrisi, il bar diventa triste, un luogo asfittico.

E le persone, che non hanno nessuna intenzione di farsi rovinare l’umore da un caffè, piuttosto stanno senza, o cercano un altro locale.

Come si genera la felicità nel dipendente? Rispettando le norme che ci sono, applicandole tutte, attribuendo un giusto compenso.

E poi c’è tutta quella parte “soft” che riguarda la relazione e che comprende il coinvolgimento, la responsabilizzazione, i premi. Il creare un clima positivo, che fa crescere e che porta tutti al raggiungimento della meta, con entusiasmo e motivazione.

Chi crede di essere esente dalla parte “soft” e si concentra solo su stipendio e arrivederci, avrà svolto metà del lavoro. Il suo locale continuerà ad avere un clima pessimo.

Tre i consigli che mi sento di lasciarti e che mi piace condividere con tutta la community degli imprenditori.

Primo: sii coinvolgente. Non si vince da soli, mai. Ogni persona che entra nel tuo business lo splasma, insieme a te.

Secondo: credici. Se tu non credi nel progetto, e non lo testimoni, il dipendente di certo non tirerà la carretta da solo.

Terzo: esci e fai uscire dalla routine. Stupisci il tuo personale, inventa momenti di svago, oppure attività e appuntamenti con i clienti. Non cadere nel “va tutto bene, non cambiamo una virgola”. Anche il miglior posto di lavoro, dopo un po’, viene a noia.

Hai una bella esperienza di felicità dei dipendenti che ti piacerebbe raccontare? Scrivi a mit@ristopiulombardia.it, la pubblicheremo le prossime settimane!

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *