MENU

RistopiùNews - Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

I 6 passi per far crescere la tua attività


Donatella Rampado

Ambiente circostante

Il manager accorto desidera sapere quali sono le sorprese che lo aspettano nel prossimo futuro e decide di evitarle.

Cose da fare: seguire l’andamento nazionale del mercato, del lavoro, dell’economia, della politica, della tecnologia; inoltre, è necessario verificare costantemente in Internet e di persona cosa fa la concorrenza vincente. Dall’analisi dei fatti nascono le relative strategie promozionali e di comunicazione.

Difficoltà possibili: non saper interpretare la visione d’insieme.

Arco temporale

Nel proprio settore, quali sono stati i punti deboli del passato? Con quale rapidità sono avvenuti? Che cosa ha funzionato bene nel presente?

Cose da fare: leggere riviste del settore, partecipare a fiere, a meeting del settore, andare in libreria, visitare biblioteche e seguire corsi di formazione per osservare meglio quello che ci circonda.

Difficoltà possibili: pensare di sapere già tutto. Pigrizia. Credere che essere aggiornati non serva.

Stakeholder

Gli stakeholder sono tutte le parti interessate alla vostra azienda. Queste entità influenzano direttamente o indirettamente la vostra attività.

Cose da fare: decidere chi può essere interessato al vostro sviluppo e coinvolgerlo. Solleticare un corretto interesse per ottenere sostegno, informazioni e alzare in questo modo il margine operativo.

Difficoltà possibili: credere ancora che gli altri si debbano adeguare ai vostri ritmi passivamente.

Gli scenari chiave

Preparare un sistema immunitario aziendale immaginando dei possibili scenari negativi e/o situazioni al limite dell’impossibile, che potrebbero minare la sopravvivenza dell’attività e per ognuna preparare un piano d’attacco.

Cose da fare: preparare un elenco di tutto quello che può succedere (il miglior collaboratore vi abbandona per la concorrenza, terremoto, crisi economica, mosca nel cibo, denuncia da parte di un cliente…). Per ogni scenario negativo che avete immaginato, preparate una strategia difensiva.

Difficoltà possibili: non aver previsto tutto e quindi non essere preparati.

Chi è dei nostri

I collaboratori eccellenti e che portano ricchezza vanno formati e motivati. Le famiglie dei collaboratori vanno coinvolte.

Cose da fare: periodicamente organizzare dei corsi di formazione di Customer Service e corsi tecnici. Le famiglie dei collaboratori vanno coinvolte almeno una volta l’anno.

Difficoltà possibili: ritenere che i soldi in formazione e coinvolgimento siano spesi male. Non riuscire a comprendere l’ampiezza di orizzonti che un collaboratore ben formato e motivato può apportare all’intero gruppo.

Ritorno al futuro

Partendo dall’assioma “Tutto cambia, solo chi non ha occhi o orecchi non si accorge dei mutamenti” (dal libro SelfBrand, fate di voi stessi un autentico Brand, edizione Franco Angeli). Dopo aver eseguito i punti chiave di cui sopra, vanno valutati gli aspetti positivi, negativi e le opportunità emerse. Siate pronti per ogni evenienza e quindi progettate il futuro stabilendo uno scenario ideale che vorreste raggiungere.

Cose da fare: stabilire una meta raggiungibile e scrivere tutti i passi per ottenerla. Definite esattamente chi fa che cosa e quando e monitorate costantemente gli obiettivi raggiunti.

Difficoltà possibili: non verificare che ogni passo sia eseguito correttamente e non stabilire una meta etica

 

Un’attenzione particolare va data al saper dare priorità. Saper dare delle priorità significa dare delle precedenze in base al merito o all’importanza. Quando si pensa che tutto sia importante, ecco che ci si ritrova con una montagna di cose da fare e con la sgradita sensazione che non si riesce a fare tutto e quindi si genera un senso di insoddisfazione generale e stanchezza. Il suggerimento utile in questi casi è prendere un foglio bianco e dividerlo in due, a sinistra si compila un elenco tipo lista della spesa delle cose che dovreste fare e a destra di ogni voce scrivete il grado di importanza mettendo dei parametri dove ad esempio il nr. 10 sta a indicare che quell’azione porterà risultati utili come ad esempio nuovi clienti ed il valore 1 potrebbe riferirsi a qualcosa che può essere spostato nel tempo come ad esempio cambiare il tessuto alle poltrone. Una volta evidenziate, le priorità vanno spalmate nell’arco di un mese facendo attenzione ad avere un massimo di cinque priorità giornaliere da portare a termine.

Suggerimenti:

– ogni giorno portare a termine cinque priorità

– resistere alla tentazione di fare altre cose che non portano a raggiungere gli obiettivi prefissati

– esercitarsi a non posticipare e a rispettare gli impegni assunti

– rigore nell’affrontare gli ostacoli

 

https://selfbrand.it/

http://www.donatellarampado.com/

 

 

 

 

 

Lascia un commento

In evidenza

Nuove posizioni aperte in azienda!

Ristopiù Lombardia SpA Società Benefit a Socio Unico ricerca: Addetto/A operatore telefonico

STIAMO CERCANDO nr. 2 OPERATRICI / OPERATORI TELEFONICI ESPERTI IN:

– SVILUPPO FATTURATO CLIENTI VIP

[…]

Leggi di più ››

News

La storia dell’aperitivo che non ti aspetti

La storia dell’aperitivo che non ti aspetti è quella che ha per protagonisti dei finger food che non ti aspetti. Scommettiamo che siamo in grado, magicamente, di indovinare cosa porterai in tavola con lo spritz?

[…]

È tempo di parlare di succhi e smoothies

Hai un bar? Allora non puoi non conoscere la differenza tra prodotti analoghi ma ben diversi tra loro. Ne va della tua reputazione!

Con l’avvicinarsi della bella stagione puoi “riaprire” il menù a succhi e smoothies in quantità,

[…]

Aprile, primo o secondo stellato?

Ad aprile, se hai un ristorante, puoi scegliere: il tuo menù sarà a tre o cinque stelle? Sarà nuovo o sempre il solito? Sarà primaverile o quattrostagioni?

Dipende da te,

[…]

Come va la tua proposta di ittico?

A sentir parlare di prodotti ittici per il ristorante o il bar, molti imprenditori scappano:

-hanno paura che il cliente non apprezzi

-non sanno bene se fidarsi o meno della catena del freddo dei fornitori

-oltre alle classiche ricette trite e ritrite… non hanno fantasia culinaria da mettere in pista

E così… un bel pezzo di fatturato se ne va.

[…]

Idee vegan per la pausa pranzo primaverile

Sai che le proposte vegane per la pausa pranzo, se ben inserite nel menù, saranno apprezzate anche dal cliente che non ha scelto quel tipo di alimentazione. Il motivo?

-Sono nutrizionalmente complete.

[…]

Come stanno andando i tuoi Social?

Se sei un ristoratore o un imprenditore del bar sicuramente hai attivato la tua pagina Social, su Facebook e Instagram.

Per capire se la tua attività sul web sta funzionando,

[…]

Pistacchio Gold

Per cosa vanno matti i clienti in questo momento? Per i super croissant farciti riccamente! E sono ancor più contenti se il croissant in questione ha qualcosa di speciale! Con questa ricetta tieni assieme tutti questi desideri!

[…]

Risto Quality Card, solo vantaggi tangibili

Tutti parlano di carta fedeltà, dal benzinaio, al supermercato, addirittura alla banca o al circolo del tennis.

Tu però lavori in un mercato ben specifico, che ha le sue regole.

[…]

Pasta ripiena: quali i must da proporre con continuità?

Nell’offerta della pausa pranzo, che si parli di ristorante o di bar, la pasta ripiena ricopre sempre un ruolo rilevante, in quanto può costituire un piatto unico dal punto di vista nutrizionale,

[…]

Lo spritz e i suoi accompagnatori…

Tutti lo servono… ma quanto sanno prepararlo alla perfezione? Lo spritz è il salva-aperitivo di ogni locale. Anche tu sicuramente ce l’hai tra i tuoi top seller… sei certo di avere la ricetta unica,

[…]

Leggi di più ››