MENU

RistopiùNews - Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

“Fuori stagione”… non esiste


 

Giuseppe Arditi – Quanti modi esistono per deludere un cliente? Tantissimi.

Quanti modi esistono per rederlo felice e contento? Uno solo: accontentarlo.

Meglio allora concentrarci su questo unico modo, è anche più semplice e meno dispersivo.

Quindi, tornando a bomba: il cliente è contento quando vede che le sue richieste trovano una risposta adeguata.

E tu, che sei saggio e hai l’occhio lungo, che conosci bene come si muove il tuo mercato, e contestualmente sai come gira anche il tuo magazzino, devi essere sempre pronto.

In teoria non dovrebbe costarti nemmeno troppa fatica.

Però ti lascio comunque qualche utile suggerimento, può servirti magari per un piccolo refresh.

Il concetto di “fuori stagione” non esiste: se nel menù hai scritto che proponi la zuppa di verdure, questa deve essere disponibile anche il 15 d’agosto (magari c’è stato un temporale, la temperatura si è abbassata e le persone cercano di scaldarsi un po’… capita, spessissimo).

Il concetto di “è finito” può valere per un unico prodotto su tutto il menù. Altrimenti sembra davvero che tu stia prendendo in giro il tuo cliente. O sei preciso e serio, o rischi di minare la fiducia che lui ha nei tuoi confronti. E poi tutto diventa più complicato.

Il concetto di “io ne so più di te” deve essere usato con molta parsimonia. Ci vuole umiltà, molta. Perché magari la persona che hai di fronte è il massimo esperto al mondo di metodo di cottura della tagliata… e a te è scappata la mano ed è fuoriuscita bruciacchiata. Meglio non pontificare.

Il concetto “fidati di me” – in riferimento al fatto che stai facendo pagare uno scontrino assurdo al tuo cliente, dopo che lo hai nutrito – funziona se, in passato, hai saputo meritarti davvero, con le prove, la sua fiducia (economica). Ovvero, se ha avuto davvero testimonianza che la tua mozzarella di bufala è la migliore del circondario e i tuoi frittini di verdura non hanno eguali. Il prezzo non è mai una variabile… a patto che la qualità sia al top.

Quando pensi che il tuo lavoro sia immane, resisti. È vero, un imprenditore del settore Horeca ha tantissime responsabilità. Su di lui pesa sempre il giudizio dei clienti (e tu sai quanto possono essere volubili!). Ma una cosa è certa: il professionista serio, quello non improvvisato, quello che si tiene aggiornato e mette entusiasmo nel lavoro, e contagia pure dipendenti e clienti, non avrà mai problemi.

Accetta le sfide, va oltre il proprio limite.

Non aspetta di ricevere una critica per migliorare… migliora subito, in un percorso virtuoso continuo.

Questa è la mia idea di business… attendo le tue considerazioni!

Scrivimi sul blog www.giuseppearditi.com, aiutami a costruire la community dell’Horeca.

 

 

 

Lascia un commento

In evidenza

Nuove posizioni aperte in azienda!

Ristopiù Lombardia SpA Società Benefit a Socio Unico ricerca: Addetto/A operatore telefonico

STIAMO CERCANDO nr. 2 OPERATRICI / OPERATORI TELEFONICI ESPERTI IN:

– SVILUPPO FATTURATO CLIENTI VIP

[…]

Leggi di più ››

News

La storia dell’aperitivo che non ti aspetti

La storia dell’aperitivo che non ti aspetti è quella che ha per protagonisti dei finger food che non ti aspetti. Scommettiamo che siamo in grado, magicamente, di indovinare cosa porterai in tavola con lo spritz?

[…]

È tempo di parlare di succhi e smoothies

Hai un bar? Allora non puoi non conoscere la differenza tra prodotti analoghi ma ben diversi tra loro. Ne va della tua reputazione!

Con l’avvicinarsi della bella stagione puoi “riaprire” il menù a succhi e smoothies in quantità,

[…]

Aprile, primo o secondo stellato?

Ad aprile, se hai un ristorante, puoi scegliere: il tuo menù sarà a tre o cinque stelle? Sarà nuovo o sempre il solito? Sarà primaverile o quattrostagioni?

Dipende da te,

[…]

Come va la tua proposta di ittico?

A sentir parlare di prodotti ittici per il ristorante o il bar, molti imprenditori scappano:

-hanno paura che il cliente non apprezzi

-non sanno bene se fidarsi o meno della catena del freddo dei fornitori

-oltre alle classiche ricette trite e ritrite… non hanno fantasia culinaria da mettere in pista

E così… un bel pezzo di fatturato se ne va.

[…]

Idee vegan per la pausa pranzo primaverile

Sai che le proposte vegane per la pausa pranzo, se ben inserite nel menù, saranno apprezzate anche dal cliente che non ha scelto quel tipo di alimentazione. Il motivo?

-Sono nutrizionalmente complete.

[…]

Come stanno andando i tuoi Social?

Se sei un ristoratore o un imprenditore del bar sicuramente hai attivato la tua pagina Social, su Facebook e Instagram.

Per capire se la tua attività sul web sta funzionando,

[…]

Pistacchio Gold

Per cosa vanno matti i clienti in questo momento? Per i super croissant farciti riccamente! E sono ancor più contenti se il croissant in questione ha qualcosa di speciale! Con questa ricetta tieni assieme tutti questi desideri!

[…]

Risto Quality Card, solo vantaggi tangibili

Tutti parlano di carta fedeltà, dal benzinaio, al supermercato, addirittura alla banca o al circolo del tennis.

Tu però lavori in un mercato ben specifico, che ha le sue regole.

[…]

Pasta ripiena: quali i must da proporre con continuità?

Nell’offerta della pausa pranzo, che si parli di ristorante o di bar, la pasta ripiena ricopre sempre un ruolo rilevante, in quanto può costituire un piatto unico dal punto di vista nutrizionale,

[…]

Lo spritz e i suoi accompagnatori…

Tutti lo servono… ma quanto sanno prepararlo alla perfezione? Lo spritz è il salva-aperitivo di ogni locale. Anche tu sicuramente ce l’hai tra i tuoi top seller… sei certo di avere la ricetta unica,

[…]

Leggi di più ››