MENU

RistopiùNews - Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

Notizie dal mondo della ristorazione a cura di Ristopiù Lombardia SpA

Dicono di noi: la parola a Ristopiù Piemonte


A colloquio con Michele Soriano, Socio Ristopiù Piemonte

 

Michele Soriano, Socio Ristopiù Piemonte, ci racconta cosa significa condividere con Giuseppe Arditi una vita spesa con passione per il raggiungimento degli stessi obiettivi. Due persone che si incontrano e decidono di fare un percorso insieme che non è solo lavorativo ma umano, perché la crescita porta prosperità a sé stessi e agli altri.

Michele, racconta Giuseppe: “Sembra avere un carattere molto forte, però per esperienza personale so bene che è una persona buona, che cerca sempre di aiutare tutti, intendo con la parola ‘aiuto’ il proporre la formazione, il poter permettere a tutti di imparare. Imparare per esempio a gestire le risorse umane, che è una delle cose più difficili: poter capire i problemi dei collaboratori significa creare un’azienda solida. Sicuramente Giuseppe ha il senso del gruppo, della squadra, del team e lo si vede in quello che fa; si circonda di persone che hanno la sua stessa visione, che fanno i corsi insieme a lui. Continua ad investire per formare persone che un domani andranno altrove a fare le cose che hanno imparato, ma a Giuseppe non importa: trasmettere conoscenza ed esperienza rimane la sua gratificazione umana più grande. Noi siamo insieme da 17 anni e ogni giorno è una soddisfazione”.

Insieme cosa significa per voi?

Noi siamo soci di Ristopiù Piemonte, io sono amministratore delegato del Piemonte, inoltre sono socio di Giuseppe insieme ad Alberto Lanzani e Alessandro Barbaro. Mi occupo di portare avanti l’azienda di Torino: tra rivenditori, addetti alle consegne e dipendenti siamo in 32 persone. Il fatto di potersi confrontare e di aver avuto sempre fiducia reciproca è fondamentale per gestire bene un’azienda. Le nostre sono aziende finanziarie, abbiamo a che fare con le vendite e con un costante flusso di merce che va e viene, quindi, c’è davvero bisogno di persone che si fidino una dell’altra.

Quindi siete cresciuti assieme?

Sì, siamo cresciuti assieme. Anche se a volte abbiamo vedute diverse, prevale sempre l’amore per il nostro lavoro e il fatto di essere un “team” ci permette di trovare la “via per camminare insieme”. Sono molto soddisfatto, perché gestire Ristopiù Piemonte con i soci di Milano per me è anche una realizzazione a livello personale.

Com’è Michele nella vita di tutti i giorni?

Michele è uno che ama migliorarsi sempre. Posso citare ad esempio una frase di Socrate che lo stesso Giuseppe aveva scritto nei primi biglietti da visita di Ristopiù Lombardia: “La qualità delle cose è la loro ragion d’essere”. Noi amiamo progredire e operiamo sempre con una qualità alta nel nostro lavoro, non solo nei prodotti, ma anche nell’agire quotidiano. E la cosa emozionante è che trasliamo questi valori anche nella nostra vita privata e nelle nostre famiglie, trasmettendo loro il nostro modo di vivere.

 

Testo liberamente tratto da “Dicono di noi – Storie e testimonianze delle persone per noi più care: i nostri clienti. Racconti di lavoro insieme, in 20 anni di Ristopiù”, a cura di Paola Santini e Giuseppe Arditi

 

 

 

Lascia un commento